Che suono ha un asterisco?

By 10 aprile 2015asterischi

asteriscopostCiao a tutt*!

Sempre più spesso vediamo l’asterisco in luogo della vocale che connota il genere – a noi di Asterisco Media non può che far piacere! – e tante persone alimentano il dibattito sulla correttezza grammaticale e ortografica di questa forma.

Anche se non è una forma rigorosa, ci piace molto: un asterisco moltiplica le possibilità, non si limita a due generi e ti invita a riflettere su una questione che esiste e che non si può ignorare: quella di genere.
L’asterisco non fa distinzioni, accontenta tutt* con lo stesso entusiasmo, e da tutt* può essere utilizzato!

I puristi insistono nel seguire la regola alla lettera ma la lingua è plastica per definizione: serve a descrivere la realtà e la sua forma è dettata dalla sua sostanza in perenne evoluzione; la lingua è in continuo mutamento poiché dialoga con la realtà. Il successo di una lingua o di determinate forme linguistiche vengono decise da chi la lingua la parla. A questo punto occorre domandarsi: chi detiene il potere prescrittivo, regolamentare e sanzionatorio delle desinenze?

La lingua deve fare gli interessi di coloro che la parlano, e chi la parla è una vasta gamma di soggettività che hanno tutte egualmente diritto ad esistere, nel mondo come nelle sue parole. E allora che male c’è ad usare un asterisco invece della desinenza, se in questo modo possiamo accontentare tutt* in modo tale che non si senta discriminato?
Sarebbe molto più equo se usata nelle pubblicità dove si deve sempre fare attenzione al proprio target che può includere anche persone che non si riconoscono esclusivamente in un genere o ci si deve rivolgere a tutt*.

Il problema si presenta, però, quando ci si deve confrontare con il parlato. Che suono ha un asterisco?

Potrebbe essere muto… In quel caso eviteremmo la desinenza, cambiando anche la musicalità dell’italiano. Provate a leggere questa meravigliosa poesia di Salvatore Quasimodo, rivisitata nella forma:

Ognun* sta sol* sul cuor della terra
trafitt* da un raggio di sole:
ed è subito sera.

Ma l’asterisco, non essendo il segno grafico di un suono, potrebbe diventare qualunque suono. Voi che suono gli date?

 

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!